restless-quotes-3Deval Patrick, ex governatore dello stato del Massachusetts, ha parlato qualche giorno fa ai neolaureati di Harvard augurando loro di sentirsi uneasy, unsure, restless. Letteralmente: inquieti, insicuri e agitati. Non un bell’augurio, sembrerebbe.

Eppure il senso delle sue parole era di essere inquieti per i grandi problemi che affliggono il pianeta, insicuri del fatto di sapere ogni cosa, agitati abbastanza da non restare fermi e agire, perché non c’è tempo per stare fermi.

Un messaggio importante, di cui dobbiamo farci partecipi. I neolaureati, coloro che si affacciano adesso nel mondo del lavoro, non possono pensare di conoscere a fondo ogni cosa e devono essere affamati di nuove conoscenze. Devono essere sufficientemente preoccupati della situazione in cui vivono per poterla migliorare e avere la forza e la voglia di agire perché ciò avvenga davvero.

La nostra università sta crescendo intorno a questo principio. Vogliamo che gli studenti siano consapevoli che al momento della laurea non finisce qualcosa, ma inizia qualcosa. Vogliamo che siano portatori di iniziativa, dinamismo e prima di tutto imprenditori di se stessi, o nessuno lo sarà al loro posto. Vogliamo che siano anche loro inquieti, insicuri, agitati.