Anche quest’anno l’Università Luiss Guido Carli rientra tra i 50 atenei che hanno dimostrato maggior impegno e risultati nell’ambito della sostenibilità ambientale. L’Ateneo ha confermato il secondo posto a livello mondiale nella categoria “Energy and Climate Change” della classifica “World University GreenMetric”, stilata confrontando 922 università di tutto il mondo. Con oltre 1.000 punti in più rispetto all’edizione precedente, la Luiss ha raggiunto la 43esima posizione a livello mondiale nel ranking green e sostenibile, ottenendo il 5° posto tra le italiane. Sono diverse le iniziative messe in campo dall’Ateneo nel percorso sostenibile avviato da diversi anni. Oltre all’utilizzo di fonti rinnovabili per l’energia elettrica e l’installazione di luci a basso consumo, la Luiss ha attivato un servizio di Green Vehicle Sharing con una flotta di 12 auto elettriche e 5 shuttle (di cui 2 elettrici e 3 a gas naturale) dedicati agli spostamenti di tutta la comunità studentesca e accademica. Un altro esempio di buone pratiche messe in campo dalla Luiss è il Luiss Community Garden, un orto condiviso nato nel 2014 nel campus di Viale Romania in cui studenti, volontari, bambini e anziani del territorio possono svolgere attività a stretto contatto con la natura. “Stiamo crescendo sulla sostenibilità grazie al grande impegno e al forte investimento che abbiamo realizzato in questi anni – ha dichiarato il Direttore Generale Giovanni Lo Storto – Green e riduzione dell’impatto ambientale sono tra i pillar fondamentali delle linee di sviluppo strategico dell’università”.